domenica 18 luglio
ore 20 Pino Strabioli dialoga con Mariangela D’Abbraccio
su “Le donne e il Teatro”
ore 20.30 aperitivo/cena
ore 21
COSÌ LONTANI, COSÌ VICINI
Nicoletta Della Corte canta Conte e De Andrè
con Stefano Scartocci (pianoforte) Giuseppe Salvaggio (contrabbasso) Giovanni Lo Cascio (percussioni)

{“subsource”:”done_button”,”uid”:”7535AD25-3979-47A7-8E02-DB25F5B5191F_1625852786446″,”source”:”other”,”origin”:”gallery”,”source_sid”:”7535AD25-3979-47A7-8E02-DB25F5B5191F_1625852786465″}

“Paolo Conte e Fabrizio De Andrè , così lontani, così vicini…
Non è cosa da poco accostarsi a questi due grandi artisti, ma nel “silenzio cantore” nel quale ogni tanto mi nascondo, sono nate fantasie di fumo in cui le stelle del jazz si  mescolavano a quell’aria spessa carica di sale, gonfia di odori.  Lì ci ho scovato giocando liberamente con note e parole, liasons che sanno di Francia, di figure femminili, sensualità, tenerezze e fughe.

Ho scoperto che due sono i valori che più accomunano Conte e  De Andrè: libertà e umanità, quasi fossero due personaggi reali a cui dare voce, senso, comunione, spazio.

 Il ragazzo scimmia del jazz e l’amico fragile, il fascino delle rughe e dell’eterno ragazzo, in direzione ostinata, solitaria e contraria, insofferenti alla mode, al potere costituito, hanno entrambi cantato il 900, secolo di guerrre e di dittatori, ma anche pieno di regali artistici di sovrumana bellezza” ( Della Corte)

Nicoletta Della Corte attrice e cantante dal timbro scuro, intenso e leggero assieme, accompagnata dal pianoforte di Teo Ciavarella, dalle percussioni di Flavio Piscopo e dal contrabbasso di Giuseppe Salvaggio,propone alcune delle canzoni più belle del primo repertorio di Paolo Conte e  di Fabrizio De Andrè, dove le consonanze e le affinità si accordano in un’atmosfera mediterranea, sofisticata, minimalista e teatrale.

La durata del concerto è di 1h e 20 circa

Paolo Conte su Nicoletta Della Corte

 “ Ogni volta che un’attrice prende d’assalto il mondo delle canzoni, un fuoco di calore diverso percorre l’aria artistica, Nicoletta, forte della sua esperienza teatrale, sa trasformare il visionario in cui galleggianoi personaggi delle canzoni nel realismo con cui si agitano le figure sceniche”