11.16 gennaio

Progetto Teatrando
presenta
ENRICO GUARNERI
L'ISPETTORE GENERALE
di Nikolaj Vasil'evič Gogol’
regia ENRICO GUARNERI


“C’è chi la definirebbe una truffa, mentre invece si tratta di acutezza d’ingegno”

In una sperduta cittadina di una più vasta e progredita Nazione, arriva – un giorno – la notizia dell’arrivo, dalla Capitale, di un Ispettore Generale. Che sia venuto ad indagare, pare la cosa più ovvia. Ma indagare chi? E perché? Che qualcuno abbia avuto il coraggio di denunciare le molte magagne, le innumerevoli ingiustizie, l’infinita corruttela che regna in paese? Oppure, uno di loro stessi, invidioso del successo e del potere degli altri, ha denunciato tutti? Ma, soprattutto, chi sarà mai questo potentissimo Ispettore? Nella casa del Sindaco si discute da ore: la catastrofe sembra imminente. Anche perché, nell’unica, infima locanda del paese, è appena arrivato…
Dietro questa trama – geniale! – si dipana la più feroce, dissacrante, corrosiva satira del potere che un autore di Teatro abbia mai concepito. Ed è dal 1836, anno del debutto pietroburghese, che la commedia non smette di divertire il pubblico con il suo acre umorismo, intriso di veleno. Oggi, la versione che s’incentra sull’enorme talento comico di Enrico Guarneri, accentua ancor di più la parte esilarante; sbalzandone, in un luogo “non-luogo” ed in un tempo “non tempo”, che potrebbero persino essere (entrambi) i nostri, le figure sordidamente irresistibili dell’estabilishment locale, in formato bonsai: il piccolo sopruso, il minuscolo profitto di cui si nutre il misero potere della burocrazia.
Si ride e ci si indigna, si ammira la maestria e la forza sorprendente di Guarneri, della Compagnia che lo circonda, dell’allestimento semplice ma ricco di sorprese e di citazioni.
È l’aneddoto lontano di una Russia perduta, o l’articolo di giornale che ci racconta di una cittadina italiana?
Mentre ci si diverte, ci rendiamo conto che la risposta è vana perché la domanda è oziosa.
Il grande Classico teatrale, non parla – sempre – di noi e di oggi?